Informativa sull'uso dei cookie

Il sito web http://www.lungomontepisano5stelle.it/ utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da Paolo Landi e su come gestirli.

 

Meetup Lungomonte Pisano 5 Stelle Cittadini attivi e idee in MoVimento di Bientina - Buti - Calci - Vicopisano
FacebookRSS FeedGuarda i video sul nostro canale YouTube!

Meetup - Vicopisano Martedì 31 maggio 2016 ore 21:15

caffe-a-5-stelle-meetup

Proseguono i nostri consueti incontri settimanali del Meetup Lungomonte Pisano 5 Stelle.

Ti aspettiamo come di consueto, martedì 31 maggio dalle ore 21:15, presso i locali del Circolo L'Ortaccio – Vicopisano (Pi). Ringraziamo La direzione del Circolo per la disponibilità

Il Meetup Lungomonte Pisano 5 Stelle non è un partito politico e non lo vuole diventare, perciò non ha e non vuole avere una sede fissa. Siamo cittadini in mezzo ai cittadini, senza filtri e senza segreti, non abbiamo niente da nascondere, l’unica nostra strategia politica è la trasparenza ed il confronto, sempre. Si ricorda che l’incontro è pubblico ed aperto a tutti!

Portate con voi le vostre proposte ed obiettivi da condividere con il gruppo per il nuovo anno, la condivisione è la base da cui partire per "coltivare" e portare all'interno della comunità le buone idee e le buone pratiche.

Meetup M5S Lungomonte Pisano

Nemo profeta in Patria

Fin dai primi mesi del 2013 il MeetUp lungomontepisano e Vicopisano (che non è ne un partito, ne un'associazione, ne un comitato, ne altro, ma un solo un gruppo di cittadini incensurati che fanno volontariato per proporre idee e soluzioni al fine di migliorare il territorio su cui vivono) avevano chiesto a tutte le persone interessate a gestire in prima persona il bene comune, quali progetti o idee avrebbero voluto realizzare per sviluppare in modo alternativo la comunità in cui vivevano al fine di rendere il paese resiliente alle numerose crisi che coinvolgono ormai tutta la nazione (lavoro; ambiente; rifiuti; rischio idrogeologico; sanità; ecc).

Poiché i temi trattati non potevano essere sostenuti da nessun partito che negli ultimi sessantanni ha portato a questa situazione economica e sociale, il MeetUp ha chiesto la certificazione del Movimento 5 stelle che ha adottato per le elezioni il primo programma partecipato della storia del nostro Comune.

Tantissime le idee pervenute dai cittadini, dall'acqua pubblica, alla gestione interna di rifiuti con la compostiera di quartiere, alla mobilità sostenibile, l'asilo diffuso, sviluppo del turismo, la messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico a partire dalla torre di Caprona, lo sviluppo delle terme (unico caso in Italia in cui le terme non portano utile), il recupero delle cave abbandonate, lo sviluppo di un incubatore per imprese agricole sull'olio d'oliva, il bilancio partecipato per decidere come e dove spendere i soldi e tanto altro ancora.

Chiaramente per realizzare tutte, o anche solo alcune di queste idee, i cittadini dovevano essere in grado di capire come l'amministratore impegna i fondi disponibili e come dirottare le spese al fine di realizzare quanto previsto, potendo facilmente analizzare i bilanci.

Tra l'altro anche la normativa attuale prevede che le amministrazioni rendano i bilanci accessibili a tutti i cittadini, ma questo comporta un costo molto elevato per realizzare un programma adatto, in quanto non solo si richiede la consulenza di esperti informatici, ma anche esperti in bilanci per enti pubblici nonché esperti in normative minori ma altrettanto importanti come la privacy.

Anche se alla fine ha prevalso la tifoseria politica invece che il programma elettorale (del resto le altre liste non avevano nulla di diverso da quanto fatto da sempre), è stato eletto un consigliere e il gruppo certificato del Movimento 5 Stelle, insieme ad esperti esterni, ha realizzato il progetto promesso gratuitamente, sostenendo tutti i costi. Potete vedere qui come la vostra amministrazione spende i vostri denari (www.bilanciovico.it). Visto che l'idea era comunque quella di fare un servizio alla comunità, il programma è stato regalato all'amministrazione Comunale, la quale ha rifiutato di adottarlo per motivi ideologici, nonostante, come vedete nel sito, non sia inserito nessun riferimento ne al Movimento 5 stelle, ne al meetup o altro.

Grazie all'evento Italia 5 stelle di Imola, il nostro piccolissimo Comune ha presentato vari progetti interessati, tra i quali www.bilanciovico.it che è stato apprezzato da moltissime realtà, tra la più importante per numero di impegni di spesa è senz'altro quella del Comune di Milano (oltre un milione e trecentomila abitanti) nel quale il programma funziona perfettamente.

Siamo molto orgogliosi che il lavoro gratuito di alcuni cittadini di un piccolo Comune sia oggi accolto e stimato da una delle più grandi città italiane e conosciute al mondo e che tutti quelli che hanno creduto nel programma partecipato siano finalmente in grado di vederne i frutti, nonostante il ruolo ricoperto di opposizione, ma sopratutto siamo orgogliosi che Paolo Landi, l'unico consigliere eletto, ricopra diligentemente il ruolo di opposizione nonché dedichi tempo ed energie per portare avanti i progetti richiesti.

Ci viene in mente il detto: NEMO PROFETA IN PATRIA:

 

foto di Movimento 5 stelle - Lungomonte Pisano.

Panem et circenses

panem et circenses

 

E' di Giovenale la celebre frase "panem et circenses", ed esprime il disprezzo per il popolo romano dell'età imperiale che non si occupa più di politica, non e' impegnato nelle guerre e chiede all'imperatore solo il pane e gli spettacoli del circo. Questa però è una visione non del tutto veritiera, perché la plebe romana non era certo una massa di fannulloni disoccupati nutrita dalla generosità degli imperatori e amante degli spettacoli. A questo errore si aggiunge l'opinione che imperatori e la classe dirigente avessero escogitato questo espediente per distogliere il popolo dall'occuparsi di politica, dal ribellarsi ecc.. impegnandolo nel tifo sportivo e nella passione per i gladiatori che erano veri e propri divi del momento! Il tifo sportivo d'altra parte non è un fenomeno dei regimi dispotici, ma è comune anche ai popoli altamente politicizzati. Vero e' che tali giochi ed elargizioni servivano ad accrescere la popolarità degli imperatori e degli alti magistrati romani e tanto più erano grandiosi tanto più attiravano le simpatie del popolo. I senatori romani e gli imperatori padroni del mondo offrono giochi alla plebe di Roma, distribuiscono elargizioni ai loro partigiani e soldati e praticano apertamente quella che oggi si potrebbe definire la POLITICA DEL CONSENSO.

(Fonte: L.Perelli, IL MONDO ANTICO, ROMA)

Ritornando ai giorni nostri, possiamo vedere che poi non molto è cambiato: i nostri amministratori usano feste, sagre, mercatini, pranzi e cene varie (che per carità sono utili per vivacizzare l'economia locale e socializzare), per ottenere quel consenso che difficilmente risquoterebbero informando correttamente i cittadini delle decisioni che prendono nel chiuso delle loro stanze senza un democratico confronto con le minoranze e che disinvoltamente si approvano in sede di Consiglio Comunale, irridendo le minoranze, il loro lavoro ed i loro interventi. (cfr. bilancio, gestione dei rifiuti, acque etc.).

Spontanea è la nostra riflessione ora come allora:, "Chi non conosce la storia è destinato a riviverla"
(Cit.: George Santayana)

Ogni promessa è un debito

goodnews-badnews

 

Abbiamo atteso tutta la settimana invano che, il sempre puntuale staff addetto alla comunicazione del Sindaco desse autonomamente questa notizia, ma evidentemente le cose scomode non sono “convenienti” da divulgare e quindi si preferisce eludere la responsabilità di certe scelte, andando a concentrare l’attenzione su altri argomenti come la pubblicità di sagre ed eventi paesani che con la primavera si moltiplicano (vi dice nulla “panem et circenses”).

 

In conseguenza di tale comportamento sta a noi dare la notizia scomoda: sembra che con l’amministrazione di Vico ogni promessa si trasformi in debito o almeno è quello che è emerso dal Consiglio Comunale del 29/04/2016, durante il quale è stato approvato l’aumento delle aliquote TARI per il 2016, con i voti favorevoli di tutta la maggioranza, con il solo voto contrario della  Lega Nord. Singolare è stata l’astenzione “positiva” del  gruppo di minoranza “Vicopisano ora cambia verso”, mentre era assente il M5S per protesta nei confronti della gestione del Consiglio Comunale. Aumenti non da poco per una tariffa già alta e difficile da sostenere per molti cittadini: come si può vedere dalla documento pubblicato sull’albo pretorio, gli aumenti vanno da una media del 13% per le utenze domestiche, e un 7% per quelle non domestiche.

 

Bene, noi l’informazione l’abbiamo data, alla Giunta lasciamo l’onere e l’onore di spiegare ai cittadini le motivazioni, dato che se ne sono assunti la responsabilità di fronte alla cittadinanza.

Comunicato stampa M5S Vicopisano - "Non c’è rispetto per i Consiglieri e per i Cittadini"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del gruppo consiliare M5S di Vicopisano in merito al Consiglio Comunale del 29/04/2016.

Comunicato stampa M5S Vicopisano: "Non c’è rispetto per i Consiglieri e per i Cittadini!".

 

Il M5S di Vicopisano denuncia le modalità arbitrarie con cui viene gestito il Consiglio Comunale, dove i contributi ed i diritti della minoranza sono oggetto di limitazione in quanto non viene rispettato il regolamento. Per questa mancanza di rispetto delle regole democratiche nei Confronti dei Consiglieri e dei Cittadini tutti che li rappresentano, il portavoce Consigliere M5S Paolo Landi ieri ha abbandonato l'aula in segno di protesta, per la prima volta dopo quasi due anni di attività Consiliare. Alcuni consiglieri hanno parlato di mancanza di rispetto da parte del Consigliere Landi per la sua presentazione di proposte, ma noi riteniamo che la mancanza di rispetto sia da parte degli altri amministratori che non accolgono i contributi e non li valutano nel merito, dato che questo è proprio il compito al quale sono chiamati i consiglieri. Non è la prima volta che il regolamento non viene rispettato dal Presidente del Consiglio che dovrebbe esserne il garante e dovrebbe tutelare i diritti dei Consiglieri in maniera imparziale. Infatti già passato alcuni emendamenti proposti dal M5S sullo statuto Comunale non vennero accolti, e ieri questo comportamento si è ripetuto su una proposta di modifica del regolamento TARI, per il quale si proponeva di inserire una agevolazione sull'imposta del servizio dei rifiuti per quegli esercizi che rimuovono le slot machine. La volontà di combattere il fenomeno del gioco d'azzardo patologico, anche ricorrendo a questo tipo di incentivi, era stata condivisa all'unanimità dal Consiglio Comunale oltre un anno fa, ma con nostro rammarico e disappunto l'emendamento non è stato accolto (quindi nemmeno votato) per volontà del Presidente, il quale non si è voluto assumere la responsabilità di mettere in votazione un emendamento senza il parere degli Uffici. Peccato che il regolamento non permetta al presidente di non accogliere gli ementi con questa giustificazione, infatti se un emendamento viene accolto ed approvato, qualora sia ritenuto necessario il parere degli Uffici, questo vada richiesto prima dell'adozione definitiva dell'atto consiliare. Informiamo i Cittadini che è possibile ascoltare la registrazione del Consiglio Comunale del 29/04/2016, dove al sesto punto all'ODG è avvenuta la discussione sulla proposta M5S, a questo indirizzo: http://www.magnetofono.it/streaming/vicopisano/
Riteniamo che portare sempre in Consiglio gli atti a ridosso delle scadenze normative, senza una adeguata discussione e condivisione nelle Commissioni, non permetta una serena e corretta valutazione degli stessi e soprattutto non si può pensare e pretendere che il Consiglio Comunale approvi sempre tutto quello che viene proposto senza alcuna modifica, altrimenti la sua funzione e le facoltà attribuite verrebbero meno. Non si può limitare l'azione consiliare e "piegare" il regolamento perché è necessario approvare tutto subito. Vorremo poter lavorare al meglio rispettando leggi e regolamenti, per trovare soluzioni migliori nell'interesse di tutta la collettività.

 

Vicopisano, 30/04/2016

Gruppo Consiliare M5S Vicopisano
Il Consigliere Paolo Landi.

Comunicato stampa M5S Vicopisano: a Vicopisano non c’è rispetto per i Consiglieri e per i Cittadini.

L'eredità di Casaleggio

L’eredità di Casaleggio. #NoiSiamoGianroberto

1460822884-casa[1]

Quando Gianroberto ci ha lasciati, una parte di lui è rimasta e rimarrà sempre con noi, le sue idee la sua visione oggi sono le nostre idee la nostra visione e questo perché come diceva Giovanni Falcone

Gli uomini passano, le idee restano.
Restano le loro tensioni morali e
continueranno a camminare sulle
gambe di altri uomini.

e noi siamo quelle gambe!

Per capire ancor meglio il concetto si può citare una frase tratta dal saggio Fratelli di sangue

Si può resistere all’invasione degli eserciti, ma non si può resistere all’invasione delle idee e degli ideali. Le idee possono essere offuscate ma non sconfitte.

Di quali idee stiamo parlando? Ma dell’idea regina di Gianroberto, usare la rete per informare, rendere consapevoli, rendere partecipi i cittadini nelle scelte che li riguardano direttamente, in due parole Democrazia Diretta!

Nel giorno stesso della sua morte è nato Rousseau, sembra un po come la storia di quel manga giapponese, non ricordo il titolo, ma si ecco Jeeg robot d’acciaio, molti di voi nati a cavallo tra gli anni ’70 ’80 lo ricorderanno bene, nella storia il professor Shiba ha creato prima di morire, un computer dove ha riversato tutta la sua conoscenza, ed è con questo che rivela al figlio di potersi trasformare in un robot, Jeeg, il robot d’acciaio, destinato dal padre a difendere l’umanità dai perfidi mostri Haniwa; Bene noi siamo come quel figlio al quale è rimasta una missione da compiere e lo straordinario strumento con il quale poterlo fare.

Che cos’è Rousseau?
Rousseau è il sistema operativo del MoVimento 5 Stelle.
I suoi obiettivi sono la gestione del M5S nelle sue varie componenti elettive (Parlamenti italiano e europeo, consigli regionali e comunali) e la partecipazione degli iscritti alla vita del M5S attraverso, ad esempio, la scrittura di leggi e il voto per la scelta delle liste elettorali o per dirimere posizioni all’interno del M5S.

Solo gli iscritti al M5S possono accedere a Rousseau. Le funzioni sono disponibili solo dopo l’identificazione che, oltre all’identità, prevede anche il profilo, ad esempio se eletto o meno, e città di residenza .

Funzioni disponibili sono ad oggi:

  • Lex nazionale, partecipazione alla scrittura delle leggi nazionali proposte dai parlamentari
  • Lex regionale, partecipazione alla scrittura delle leggi regionali proposte dai consiglieri regionali
  • Lex Europa, partecipazione alla scrittura delle leggi europee proposte dagli europarlamentari
  • Vota , voto per le liste elettorali o per pronunciarsi su un tema specifico
  • Fund Raising, raccolta fondi per elezioni o eventi del M5S
  • Scudo della Rete, raccolta fondi a tutela legale del M5S o di suoi iscritti ed eletti

In futuro saranno attivate:

  • Activism, (materiali di supporto alle iniziative del M5S, sia digitali (es. la marcia virtuale o Attivista a 5 Stelle), sia volantini esplicativi ( es. per il Reddito di Cittadinanza e per l’Euro), sia video e/o foto
  • Sharing, archivio con le diverse proposte (interrogazioni, delibere, leggi, ecc. a livello comunale e regionale con una tassonomia comune
  • E-learning, lezioni sulle strutture in cui sono inseriti gli eletti e sul loro funzionamento
  • Lex iscritti, proposte di legge formulate dagli iscritti che in seguito vanno presentate dagli eletti nelle diverse sedi
  • Gruppi sul territorio (i.e. meetup), informazioni sui e dai gruppi sul territorio su iniziative in corso

Descrizioni più complete sulle singole funzioni sono presenti all’interno di Rousseau cliccando la stella interessata.

Stelle accese e email di alert
All’ingresso in Rousseau le stelle che si vedranno “accese” saranno in funzione della propria identità/profilo. Ad esempio se ci sono votazioni per le liste elettorali per la Regione Lombardia potrà votare solo chi è iscritto al M5S e risiede in Lombardia e, in quel caso la stella “Vota” sarà accesa, lo stesso profilo potrà accedere alla scrittura delle leggi regionali lombarde e in questo caso sarà accesa la stella ‘Lex regionale’. Ad ogni iscritto sarà inviata una mail se una funzione a cui può partecipare è stata attivata,

Inviate una mail
Per ogni funzione si potrà utilizzare una mail specifica presente nella pagina di spiegazioni per dubbi, segnalazioni di errori e miglioramenti richiesti, ecc.

 

Fonte: lari5stelle

Meetup - Vicopisano Martedì 12 Aprile ore 21:15

caffe-a-5-stelle-meetup

Ti aspettiamo, martedì 12 Aprile 2016 dalle ore 21:15 per il nostro consueto incontro settimanale, per portare proposte e discutere idee e soluzioni condivise; Il Meetup Lungomonte Pisano 5 Stelle non è un partito politico e non lo vuole diventare, perciò non ha e non vuole avere una sede fissa. Per questo incontro ci troveremo presso i locali del Circolo L'Ortaccio di Vicopisano (Pi). Siamo cittadini in mezzo ai cittadini, senza filtri e senza segreti, non abbiamo niente da nascondere, l’unica nostra strategia politica è la trasparenza ed il confronto, sempre. Si ricorda che l’incontro è pubblico ed aperto a tutti!

A presto!

Meetup Lungomonte Pisano